Qual è la struttura di una bici pieghevole?

Nonostante in commercio ci siano molti modelli di bici pieghevole, spesso molto diversi fra loro, vi sono anche caratteristiche comuni nella loro struttura. Vediamole insieme.

Struttura e dimensioni

Il primo aspetto fondamentale della struttura di una bici pieghevole è il telaio. Da esso dipendono infatti il peso e la taglia della bici stessa. Se stai cercando un modello leggero, ti consiglio di non superare i 20 kg. In alternativa, puoi optare per qualcosa di molto pesante che superi i 28 km.

Ricorda che il peso della bici pieghevole non deve solo supportare il tuo corpo, ma anche eventualmente la batteria ed il motore. In tutto ciò, la bici deve mantenersi stabile durante la pedalata. Puoi aiutarti nella scelta basandoti sulle taglie standard.

Per quanto riguarda la forma, molto dipende dallo scopo per cui la tua bici pieghevole nasce. Un modello da città risulterà sicuramente più compatto e sottile di uno che può essere usato anche sul selciato. La maggior parte die modelli di bici pieghevole, comunque, si rifanno alle bici da città.

In esse, il manubrio risulta in una posizione più elevata rispetto a quanto accade in altri modelli. Ciò ti permette di mantenere una postura corretta e di sfrecciare comodamente in città.

Ultimo ma non per importanza è il materiale. I più usati sono acciaio, alluminio ed ovviamente fibra di carbonio. Il primo è sicuramente il più economico, ma anche il più pesante, se stai cercando qualcosa di retico e leggero anche da poter trasportare e richiudere, allora la fibra di carbonio fa al caso tuo. D’altro canto, però, questo potrebbe richiedere un investimento maggiore, ma destinato sicuramente a durare molto più nel tempo e a risultare più prestante.

Scegliendo la struttura più adatta alle tue esigenze, sarai sicuro di investire in una bici pieghevole sempre perfetta e che ti possa garantire una eccellente esperienza d’uso.

Leggi anche: Che cos’è un tosaerba?